Content Marketing

I brand si sono adeguati alle nuove norme di protezione sanitaria e hanno riaperto i loro punti vendita. Ma, a parte l’impatto diretto della pandemia COVID-19, il mercato del fashion è pronto a rispondere al desiderio dei clienti di impegnarsi a cambiare le loro abitudini di spesa?

Basandosi su un’analisi di Retviews, una start-up di sua recente acquisizione, Lectra ha redatto un sondaggio sulla moda sostenibile tra i principali brand del fast fashion. I risultati sono illustrati qui.

La crisi dovuta al COVID-19 ha fatto nascere in molte persone il desiderio di scelte più consapevoli e comportamenti più responsabili. Il periodo di crisi può essere visto come un catalizzatore che porterà il settore del fashion a cambiare il proprio modo di progettare, produrre e distribuire i prodotti. Poiché per i consumatori l’atto d’acquisto è un modo per esprimere un impegno e affermare i propri valori, i brand sono incentivati a cambiare la loro offerta preparandosi al futuro, adottando un approccio più ecosostenibile, autentico e trasparente.

Benché questi fattori fossero già evidenti prima della pandemia, adesso sono diventati la chiave per interagire con i clienti che si aspettano un’offerta più sostenibile. È giunta l’era dell’attivismo dei consumatori, per lungo tempo annunciata senza di fatto diventare realtà, e i brand devono adattare la loro offerta di conseguenza.

Le collezioni sostenibili sono ancora una piccolissima minoranza

La percentuale di moda sostenibile nelle collezioni varia in modo significativo da un retailer all’altro. Ad esempio, le collezioni ecosostenibili costituiscono solo una piccola parte delle linee offerte dai grandi retailer Zara e H&M, che hanno firmato il Fashion Pact durante il G7 di Biarritz.

La collezione Join Life di Zara rappresenta il 14% della sua gamma, mentre la linea #Wearthechange di C&A rappresenta quasi il 30% della collezione totale. La collezione Conscious di H&M, al vertice del Fashion Transparency Index, creato da Fashion Revolution, rappresenta meno del 10% della gamma totale di prodotti.

 

Scarica lo studio Sondaggio Lectra_Retviews_IT